Letteratura Quantistica, Egoni

egoni polaroid lift offLa morte. In qualche cosa dovremmo pur dissolverci? L’anima è fuori moda, nessuno la indossa più. Ecco invece cosa vorrei trovare scritto sopra un manuale di Letteratura Quantistica.

Egoni.
I quanti fatui della coscienza.
Non hanno massa, né è probabile misurarne l’energia. Sono le particelle elementari dell’intuizione, i custodi traghettatori dell’informazione più essenziale: l’Io.
Quando il corpo si disgrega gli Egoni si disperdono come semi di un soffione, o meglio, schizzano a velocità infinite, quasi spazzati via dal portentoso starnuto della morte, superando fotoni e raggi cosmici.
Il corpo, la memoria, le attitudini, gli affetti e tutto ciò che compone l’identità umana viene sbriciolato piano, muta forma, si frammenta in innumerevoli sottoparticelle, gli Egoni no. Gli Egoni corrono come treni gridando: io Esisto! Travolgono altre particelle, si aggregano, provocano indescrivibili esplosioni e scuotono tutto ciò che capita loro a tiro.
Attualmente non vi è prova scientifica della loro esistenza, l’unica dimostrazione risiede nella percezione intuitiva e personale di ogni singolo essere vivente, anche se potremmo supporre che ogni forma dell’universo – vivente e non – sia mossa da forze provocate da massicce concentrazioni di Egoni.

Forse viviamo dentro fragili involucri plastici, come ciottoli, travolti dal fiume potente della coscienza.

[In foto: un ammasso di particelle Egoni che generano essenza]

Annunci

10 risposte a “Letteratura Quantistica, Egoni

  1. “Quando il corpo si disgrega gli Egoni si disperdono come semi di un soffione”
    Great!!!
    Mi piace questa immagine racchiusa in una frase,sembra di vederla!! Un like e’ poco!

  2. Teoria suggestiva. Alcuni sostengono che la dispersione degli Egoni avvenga già in vita prima della morte biologica. Gli involucri plastici che li contengono durante la senescenza si induriscono e diventano impermeabili finché non scoppiano oppure diventano sempre più permeabili diffondendo Egoni a profusione nelle vicinanze. Altri involucri di Egoni a loro volta sono così permeabili da intercettare gli Egoni diffusi dagli altri e combinarli con i propri diventandone più ricchi. La specie umana ha inventato meta involucri in cui la trasmissione di Egoni è canalizzata e focalizzata su involucri nuovi da riempire di Egoni. Questi metainvolucri si chiamano famiglie … scuola … comunità …. Alcuni involucri hanno cercato in vita di incollare i propri Egoni su supporti materiali fatti di cellulosa segnati con inchiostro, altri sui muri con materiali colorati, altri su pentagrammi, altri scolpiti nella pietra, altri su ferrite magnetizzata …. Gli studiosi dei buchi neri stanno verificando gli effetti sugli Egoni ….

  3. Bellissima immagine.
    Leggendo la tua riflessione ho immaginato che gli Egoni delle persone care che adesso non ci sono più, si siano legate al polline di un fiore, alla sabbia, al sale del mare. O che li abbia respirati e li porti dentro di me.
    Gli Egoni esistono, ne sono certa ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...